Corso per Mediatore Interculturale

Corso per Mediatore Interculturale

/ 10 Aprile 2018
/ 0 Comment

Il Mediatore Interculturale svolge attività di mediazione tra cittadini immigrati e la società locale, promuovendo, sostenendo e accompagnando entrambe le parti:
- nella rimozione delle barriere culturali e linguistiche;
- nella promozione sul territorio della cultura di accoglienza e dell’integrazione socioeconomica;
- nella conoscenza e nella pratica dei diritti e dei doveri vigenti in Italia, in particolare nell’accesso e nella fruizione dei servizi pubblici e privati.

Il Mediatore interculturale collabora con organismi ed istituzioni, pubblici e privati, nel processo di adeguamento delle prestazioni offerte all’utenza immigrata ed opera in tutte le situazioni di difficoltà comunicative e/o di comprensione tra persone di culture diverse, al fine di dissipare i malintesi o i potenziali conflitti dovuti ad un diverso sistema di codici e valori culturali. Il mediatore interculturale è solitamente un immigrato o comunque una persona che, per esperienze di migrazione o di prolungata residenza all’estero conosce i codici linguistici e culturali della popolazione migrante di riferimento.

Gli standard professionali possono essere raggiunti sia da persone (giovani-adulte) non in possesso di conoscenze-capacità pregresse (che attraverso il corso entrano in questa area professionale), che da persone in possesso di conoscenze-capacità rispetto all’area, che attraverso il corso vengono sviluppate/approfondite. Tali conoscenze-capacità possono essere state acquisite attraverso un percorso di formazione professionale, di istruzione o attraverso l’esperienza professionale acquisita nel settore. Ai partecipanti in possesso di conoscenze-capacità che corrispondono ai contenuti del corso vengono riconosciuti i relativi crediti formativi.
La qualifica può essere conseguita attraverso corsi della durata di almeno 450 ore Si tratta di corsi finalizzati alla professionalizzazione di giovani ed adulti in possesso di diploma di scuola media superiore di secondo grado o livello culturale equivalente.
I corsi devono prevedere una quota di ore di tirocinio che può oscillare dal 35% al 50% del monte ore complessivo. La specializzazione può essere conseguita attraverso corsi della durata di almeno 200 ore La specializzazione è riservata a coloro che hanno acquisito la qualifica di mediatore interculturale o un’esperienza professionale specifica nella mediazione interculturale; è finalizzato a fornire le competenze specialistiche necessarie per svolgere la funzione di mediazione interculturale presso istituzioni e organismi, sia pubblici che privati. Il percorso formativo di specializzazione prevede una articolazione di moduli disciplinari per settori, secondo gli ambiti di impegno del mediatore interculturale, tra cui possono essere individuati: - settore sanitario - settore socio-educativo-culturale - settore sicurezza 5 - settore pubblica amministrazione - settore impresa e autoimprenditorialità I corsi devono prevedere una quota di ore di tirocinio che può oscillare dal 40% al 50% del monte ore complessivo.

Se sei interessato ad intraprendere la carriera di mediatore interculturale, Filo srl propone e organizza corso per Tecnico della mediazione interculturale (figura 432 del Repertorio delle figure regionali) della durata di 600 ore, articolato in lezioni teoriche e stage pratico presso enti e strutture convenzionate.
Il corso rilascia l'ATTESTATO DI QUALIFICA PROFESSIONALE riconosciuto in tutta l’UE, requisito fondamentale per l'iscrizione all'albo dei mediatori interculturali.

DESCRIZIONE DELLA FIGURA:
Il mediatore interculturale è un operatore sociale che facilita la comunicazione tra individuo, famiglia e comunità nell'ambito delle azioni volte a promuovere e facilitare l'integrazione sociale, sanitaria e culturale dei cittadini immigrati. Svolge attività di mediazione e di informazione tra i cittadini immigrati e la società di accoglienza favorendo la rimozione delle barriere culturali e linguistiche, la valorizzazione della cultura di appartenenza, promuovendo la cultura dell'accoglienza, l'integrazione socio economica e la fruizione dei diritti e l'osservanza dei doveri di cittadinanza. Il mediatore interculturale facilita l'espressione dei bisogni dell'utente da un lato e delle caratteristiche, risorse e vincoli del sistema dell'offerta dall'altro, propone le prestazioni, collabora con gli Enti/gli operatori dei servizi pubblici e privati affiancandoli nello svolgimento delle loro attività e partecipando alla programmazione, progettazione, realizzazione e valutazione degli interventi. Ha una adeguata conoscenza della lingua italiana, una buona conoscenza della lingua madre o della lingua veicolare scelta ai fini della mediazione e dei codici culturali sottesi del gruppo di immigrati di riferimento del contesto in cui l'attività si svolge. E' dotato di adeguate capacità comunicative, di relazione e di gestione dei conflitti.

DURATA DEL CORSO:
600 ore: 400 di lezioni teorico-pratiche e 200 di stage presso Organizzazioni Onlus, Cooperative sociali, Circoscrizioni, Comuni, Sportelli per sostegno e aiuto agli immigrati, Centri di solidarietà.

REQUISITI DI ACCESSO:
• possesso di un titolo di istruzione secondaria di secondo grado
• Età minima di 21 anni

MODALITÀ RICHIESTA INFORMAZIONI E PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE:
Per informazioni o per partecipare alle selezioni è necessario inviare il propri dati utilizzando il form sottostante, specificando il proprio indirizzo email, ed un RECAPITO TELEFONICO per consentire alla nostra segreteria didattica di ricontattare i candidati.

I candidati saranno contattati dalla segreteria organizzativa per il successivo incontro di selezione, consistente in un colloquio motivazionale. La prova di selezione, è gratuita.

La candidatura non implicherà alcun vincolo di iscrizione al Corso.